10 Agosto 2021

LA SCUOLA DEI FIORI INCONTRA L'ARCIVESCOVO GIUSEPPE SATRIANO

Martedì 10 agosto, una nostra delegazione della Scuola dei Fiori è stata ricevuta dal nuovo Arcivescovo della Diocesi di Bari Bitonto.

L’incontro con S.E. Giuseppe Satriano, nominato a gennaio 2021, è avvenuto in Arcivescovado e si è svolto in un clima di grande affetto e collaborazione. Dopo le presentazioni, abbiamo raccontato a S.E. Satriano la nostra storia fondativa, ovvero di quando, 35 anni fa, un gruppo di genitori che si ispiravano al messaggio di San Josemaria Escrivà decise di promuovere una Scuola che fosse di supporto ai genitori nell’educazione dei figli. Abbiamo parlato poi dei tanti progetti per il futuro, ma anche delle nostre paure e difficoltà e Sua Eccellenza è stato prodigo di preziosi consigli. Ha sottolineato il ruolo fondamentale che tutta la scuola e quella cattolica in particolare, devono svolgere in un momento delicato come questo, in cui i punti di riferimento tradizionali sono venuti a mancare, rendendo uomini e donne sempre più soli. Proprio la solitudine e l’individualismo sono, a Suo parere, i pericoli più insidiosi del nuovo millennio, aggravati dalla crisi pandemica. Solo recuperando il concetto plurale del “noi” e abbandonando l’egoismo dell’”io” potremo risollevarci da questa crisi economica e sociale. Con riferimento particolare alla nostra città, si è detto molto preoccupato per la chiusura della Gazzetta del Mezzogiorno e della Fiera del Levante e si è augurato che il reale impegno della società civile, insieme ad una classe politica interessata al Bene Comune possano riportare il giornale e la Campionaria a svolgere il proprio insostituibile ruolo. A proposito di Bene Comune, S.E. Satriano ha parlato ancora della Scuola e del suo ruolo fondamentale nella formazione delle persone e ci ha invitati all’accoglienza e alla disponibilità sempre e comunque. Riprendendo il recente messaggio di Papa Francesco, ha poi evidenziato come non sia il proselitismo il fine della scuole come la nostra, ma la tenacia di seminare senza sosta, perché poi sarà il Seme a lavorare da solo.
Salutandoci, l’Arcivescovo non solo ha improvvisato un attualissimo “selfie”, ma ci ha anche promesso che verrà presto a trovarci nella sede della nostra Scuola dei Fiori e noi… non vediamo l’ora!